Totale € 0,00

Elenco distribuiti il blog di Scienze e Lettere Bookshop

RSS

Back

I RACCONTI DI GIOSAFATTE E DEL SUO SETTIMO NIPOTE. L'Identità ebraica svelata

Collana LA CASA DELLA VITA 1 Narrativa e Poesia

Copertina del libro
€ 16,00
Versione stampata

Antonio Pisano Editore , Pozzuoli, 2010, pp.162
Queste storie nascono dal vorticoso fluire della memoria soggettiva e collettiva. Storie narrate dal nonno dell’autore Giosafatte o Giusafàt, come suona nel dialetto della sua terra, Bacoli, terra di miti e leggende, di storie cancellate, di migrazioni, di storie di abbagliante bellezza … Storie che attraversavano luoghi che erano immagini di memoria illuminate da un particolare, da un dettaglio che poteva sembrare arbitrario, che commuoveva, che intrigava e che apriva a potenziali altre storie come un infinito midrash, attraverso l’affascinante fondersi di segni e parole in irreversibile espansione. Storie straordinarie dall’intreccio quasi irreale con il sapore delle fiabe … Storie incantevoli, storie drammatiche e leggere che sono la straordinaria testimonianza che si affida a racconti i cui personaggi sono tratteggiati in modo indimenticabile, le cui voci sono salvate e ci invitano a salvare la nostra memoria. (Dalla “Prefazione” di Ottavio Di Grazia) I racconti di Capuano sono … tutti di grande bellezza e leggerezza, un ruscello carsico che riemerge in terreni disseccati, narrazioni costruite in una lingua chiara, di una maturità espressiva sorprendente … (Dalla “Postfazione” di Giovanni Pugliese) I racconti iniziali di questa raccolta “sono, in gran parte, una libera trasposizione in italiano dal dialetto di un certo numero delle storie (quelle che la mia memoria ha ritenuto) che mio nonno Giosafatte, Giusafàt, come tutti lo chiamavano, raccontava a me, ai miei fratelli e ai miei cugini nelle lunghe sere d’inverno, quando non c’era la televisione, intorno ad un grande braciere. Le altre storie di questa raccolta sono la cronaca di fatti della vita reale della comunità a cui sento di appartenere, accaduti in un tempo che sembra lontano anni luce dall’oggi: quando molti andavano a letto subito dopo il tramonto, perché dovevano svegliarsi alle prime luci dell’alba per andare a lavorare la terra o a pescare e perché era un lusso accendere una candela o la lampada ad olio, per rischiarare le tenebre della notte… Il nonno era un grande affabulatore, che col suo grande repertorio di storie, ballate, favole, racconti di vita intratteneva i suoi nipotini, quando il freddo e il maltempo lo costringevano a restare a casa. Con la buona stagione, quando i dolori alle ginocchia gli davano tregua e poteva uscire, camminando lentamente con l’aiuto di un bastone, seguito come un’ombra da Ciccillo Guardascione, suo amico fraterno da una vita, Giosafatte incantava la gente che si fermava ad ascoltarlo intorno ad una delle panchine della stazione di Torregaveta, capolinea sul mare della ferrovia Cumana, o sotto la frescura del pergolato di un bar. Qualcuno perdeva anche il treno per ascoltare la conclusione di una storia o la fine di qualche lunga ballata in versi…” (Dall’ “Introduzione” di Rosso Capuano) Rosso Capuano, il cui vero nome di battesimo è Rosario Mario, è nato l’undici di aprile del 1946 a Torregaveta, nel comune di Monte di Procida, e risiede a Bacoli. Ha completato i suoi studi di lingue antiche e moderne dell’Europa Occidentale all’Istituto Orientale di Napoli. Professore di Lingua e Letteratura Inglese, ha insegnato nel corso della sua carriera in vari tipi di scuola secondaria superiore: Con questo libro è alla sua prima esperienza letteraria.